Il Chi Kung, il cui significato è “lavoro per aumentare l’energia vitale”, è parte indissolubile del patrimonio culturale della Cina. È un’arte la cui pratica – meditazione da fermi – migliora la salute e rinforza il corpo armonizzando tre fattori: il respiro, la postura fisica e il pensiero. Nato più di 4000 anni fa come metodo d’uso popolare per curare, successivamente fu assimilato dalle dottrine taoiste e buddiste che lo interpretarono secondo i loro principi, e da popolare divenne disciplina occulta, riservata a pochi iniziati e quindi insegnata a poche persone. Questa situazione si mantenne sino a non molti anni fa, quando iniziò una forte espansione sia in Cina sia nel resto del mondo.

Molte sono le scuole di Chi Kung, d’ispirazione sia buddista sia taoista e le differenze principali tra le due tendenze riguardano la circolazione e lo scambio dell’energia. Per il Chi Kung taoista il corpo umano è un universo (microcosmo) inserito in un altro universo (macrocosmo), e per questo l’energia è fatta circolare all’interno del corpo attraverso canali preferenziali di scaricamento in modo da accrescerla e trasformarla (trasformazione alchemica) per conseguire l’immortalità. Il Chi Kung buddista rileva l’importanza della liberazione dalla sofferenza per mezzo dello sviluppo della consapevolezza: i suoi metodi sono prevalentemente statici (meditazione da fermi). L’accrescimento del Chi non è visto come l’obiettivo principale.

Per quanto riguarda l’aspetto esteriore degli esercizi Chi Kung, così come si presentano all’osservatore esterno, si offrono tecniche di riposo dove l’attività si svolge all’interno del corpo mentre il corpo rimane fermo oppure in movimento, e il movimento aiuta l’energia a circolare. Il Tai Chi Chuan può essere considerato un metodo di Nei Tan Chi Kung in grado di generare l’energia a partire dal tan tian, un punto nel ventre situato a circa tre centimetri dall’ombelico. Il Chi Kung è utilizzato non solo a scopo terapeutico dalla medicina tradizionale cinese, per i suoi benefici effetti, ma anche dalle arti marziali per favorire e rinforzare la circolazione sviluppando e praticando diversi metodi. Secondo lo scopo delle tecniche, si possono distinguere tecniche dure, che come obiettivo principale hanno l’aumento della propria forza e capacità difensiva, e tecniche morbide, che servono a incrementare lo stato di salute e aiutano a curare alcune malattie.

http://www.t-a-o.it
Chi Kung o Qi Gong