Il “ciò che è” può essere osservato soltanto quando non vi è “io“. Uno può osservare i colori e le forme che lo circondano? Come li osserva? Li osserva attraverso l’occhio. Li osserva senza muovere l’occhio, perché se muove l’occhio, viene posta in essere l’intera attività del cervello pensante.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - mindfulness - zen - buddhismo - benessere - salute

Nel momento in cui il cervello è in attività, vi è distorsione. Guardate qualcosa senza muovere gli occhi: il cervello diviene silenzioso. Osservate non soltanto con gli occhi, ma con tutta l’attenzione, con affetto. Allora vi è l’osservazione del fatto, non dell’idea, bensì il fatto, con attenzione e affetto. Uno si accosta a “ciò che è” con attenzione, con affetto; perciò non vi è giudizio o condanna; perciò si è liberi dal contrario.

(Jiddu Krishnamurti – La pienezza della vita)

Jiddu Krishnamurti (amazon)
Krishnamurti (macrolibrarsi)
https://it.wikipedia.org/wiki/Jiddu_Krishnamurti
Aforismi di Jiddu Krishnamurti su Meditare.it
jkrishnamurti.org