In parole povere si dice che “chi crede in Dio è più buono”. Convinzione che ora pare suffragata anche da uno studio scientifico pubblicato sulla rivista Plos One riportata dal quotidiano britannico The Indipendent.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen - buddhismo

I ricercatori hanno condotto otto esperimenti su un numero di persone-cavia variabile tra 159 e 527 e hanno riscontrato che le persone che si dichiarano convintamente religiose sono più empatiche rispetto a quelle che non credono. Ossia tendono a reprimere un’area usata per il pensiero analitico e ad attivare quella responsabile dell’empatia, cioè del “sentire sociale” che consente una maggiore comprensione e accettazione dell’altro. [ segue ]

Fonte: Credi in Dio? Ecco come cambia il tuo cervello – Scienze & Tech – Libero Quotidiano