Non so se l’umanità sia pronta davvero – ad accogliere, ad esempio, una consapevolezza di ordine superiore -, ma penso che ciascun individuo, indipendentemente dalle credenze pregresse, debba esercitare una strenua volontà per aprirsi alla compassione.