Il buio della solitudine non può essere combattuto direttamente. È essenziale comprendere che esistono alcune cose fondamentali che non possono essere cambiate. Questa è una di quelle cose: non si possono combattere in maniera diretta il buio, la solitudine, la paura dell’isolamento. La ragione è che tutte queste cose non esistono: sono semplicemente l’assenza di qualcosa, proprio come l’oscurità è l’assenza di luce.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - mindfulness - zen - buddhismo

Quindi, che cosa fai quando vuoi che la stanza non sia buia? Non fai niente direttamente con il buio, non è vero? Non lo puoi spingere fuori.

Non c’è alcun modo per far sì che l’oscurità scompaia. Devi fare qualcosa con la luce. E questo cambia l’intera situazione – questa è una delle cose che io chiamo essenziali, fondamentali. Tu non agisci sull’oscurità, non ci pensi neppure. Non avrebbe senso, perché l’oscurità non esiste: è semplicemente un’assenza. Quindi porta la luce e non ci sarà più l’oscurità: era semplicemente assenza di luce – non qualcosa di materiale, con una struttura propria, non qualcosa che esiste. Ma per il semplice fatto che la luce non c’era, avevi avuto la falsa impressione dell’esistenza del buio.

Puoi continuare a combattere l’oscurità per tutta la vita senza riuscirci, ma una semplice candela è sufficiente per sconfiggerla. Devi lavorare per la luce perché è positiva, essenziale; esiste per conto proprio. E quando arriva la luce tutto ciò che era la sua assenza scompare automaticamente.

Da: The Path of the Mystic cap. 19 – Osho

Osho su Amazon
Osho – Macrolibrarsi
Osho.com
it.wikipedia.org/wiki/Osho
Oshoba.it
Aforismi di Osho su meditare.it