Meditare.info

Nella pura coscienza c’è la luce (In pure consciousness there is light) – Nisargadatta Maharaj

Aforismi – Aphorisms – Nisargadatta Maharaj – 3

“E’ solo la vostra auto-identificazione con la vostra mente che vi rende felici o infelici… Ribellatevi contro la vostra schiavitù alla vostra mente, vedete i vostri legami come auto-creati e spezzate le catene dell’attaccamento e della repulsione. Tenete a mente il vostro obiettivo della libertà, fino a quando in voi sorgerà la constatazione che siete GIA’ liberi, che la libertà non è qualcosa da guadagnare in un futuro lontano con sforzi penosi, ma , da utilizzare perennemente in se stessi!” (Nisargadatta Maharaj)
“It is only your self-identification with your mind that makes you happy or unhap…py. Rebel against your slavery to your mind, see your bonds as self-created and break the chains of attachment and revulsion. Keep in mind your goal of freedom, until it dawns on you that you are already free, that freedom is not something in the distant future to be earned with painful efforts, but perennially one’s own, to be used!” (Nisargadatta Maharaj)

“Nella ‘dualità’ non c’è niente di sbagliato finché essa non crea il conflitto. Molteplicità e varietà senza conflitti è gioia. Nella pura coscienza c’è la luce. Per il calore, è necessario un contatto. Sopra l’unità dell’essere c’è l’unione di amore. Amore è il significato e lo scopo della dualità”(Nisargadatta Maharaj)
“There is nothing wrong with duality as long as it does not create conflict. Multiplicity and variety without strife is joy. In pure consciousness there is light. For warmth, contact is needed. Above the unity of being is the union of love. Love is the meaning and purpose of duality” (Nisargadatta Maharaj)

“La ‘persona’ è una sorta di ‘guscio’ che vi imprigiona. Rompete il guscio. Non c’è niente di cui avete bisogno. Nulla di ciò che percepite è reale. Perfino lo spazio e il tempo sono immaginati. Tutta l’esistenza è immaginaria. Solo l’Illimitato è reale. Interrogatevi sui limiti. Andate oltre. Stabilitevi compiti apparentemente impossibili – Questa è la Via. Guardate alla coscienza come a qualcosa di estraneo, di sovrapposto. Poi, improvvisamente sarete liberi dalla coscienza. “(Nisargadatta Maharaj)
“The ‘person’ is a shell imprisoning you. Break the shell. There is nothing you need. Nothing perceivable is real. Even space and time are imagined. All existence is imaginary. Only the Unlimited is real. Question the limits. Go beyond. Set yourself tasks apparently impossible— This is the way. Look at consciousness as something alien, superimposed. Then suddenly you are free of consciousness.” (Nisargadatta Maharaj)

“Non aver la pretesa di amare gli altri come te stesso. A meno che tu non abbia realizzato che essi sono uno con te stesso, non potrai amarli davvero. Non fingere di essere ciò che non sei, non rifiutare di essere quello che sei. Il vero amore per gli altri è il risultato della conoscenza di sé, e non la sua causa. Senza l’auto-realizzazione, nessuna virtù è genuina. Quando saprai oltre ogni dubbio che la vita stessa scorre attraverso tutto ciò che è, e che TU sei quella vita, amerai tutti naturalmente e spontaneamente. Quando avrai realizzato la profondità e la pienezza del tuo amore per te stesso, saprai che ogni essere vivente, e l’intero universo, sono inclusi nel tuo affetto. Ma se vedi tutto come qualcosa di separato da te, non potrai amare veramente perché ne hai timore. L’alienazione provoca la paura, e la paura rende più profonda l’alienazione. E’ un circolo vizioso. Solo l’auto-realizzazione può romperlo. Cerca di farlo, in modo risoluto”(Sri Nisargadatta Maharaj)
“Do not pretend you love others as yourself. Unless you have realized them as one with yourself, you cannot love them. Don’t pretend to be what you are not, don’t refuse to be what you are. True love of others is the result of self-knowledge, not its cause. Without self-realization, no virtue is genuine. When you know beyond all doubting that the same life flows through all that is and you are that life, you will love all naturally and spontaneously. When you realize the depth and fullness of your love of yourself, you know that every living being and the entire universe are included in your affection. But when you look at anything as separate from you, you cannot love it for you are afraid of it. Alienation causes fear, and fear deepens alienation. It is a vicious circle. Only self-realization can break it. Go for it resolutely” (Sri Nisargadatta Maharaj)

“Lo sforzo non significa una lotta per cambiare ciò che è in ciò che non è, o in ciò che dovrebbe essere, o in ciò che vorremmo che diventasse… Noi stiamo costantemente sfuggendo da ciò che è, per trasformarlo o modificarlo. Solo quando non c’è la giusta consapevolezza di ciò che esattamente è, allora arriva lo sforzo di voler trasformare. Quindi, lo sforzo è non-consapevolezza. La consapevolezza rivela il significato di ciò che è, e l’accettazione completa del significato porta alla libertà. Perciò, la consapevolezza è non-sforzo; la consapevolezza è la percezione di ciò che è, senza distorsioni. La distorsione esiste ogni volta che c’è lo sforzo “(Nisargadatta Maharaj)
“Does not effort mean a struggle to change what is into what it is not, or what it should be, or what it should become? We are constantly escaping from what is, to transform or modify it. Only when there is no awareness of exactly what is, then effort to transform takes place. So, effort is non-awareness. Awareness reveals the significance of what is, and the complete acceptance of the significance brings freedom. So, awareness is non-effort; awareness is the perception of what is without distortion. Distortion exists whenever there is effort” (Nisargadatta Maharaj)

(Nisargadatta Maharaj)

Nisargadatta Maharaj – Amazon
Nisargadatta Maharaj – Macrolibrarsi
http://it.wikipedia.org/wiki/Nisargadatta_Maharaj